Un prodotto Angelini

19/07/2021

Approfondimenti

3 minuti

La medicina psicosomatica

La medicina psicosomatica si focalizza sul legame tra corpo e mente

Presupposto e obiettivo: La medicina psicosomatica si focalizza sul legame tra corpo e mente e pertanto sull’interazione bidirezionale tra malattie organiche e disturbi psichici, con la finalità di aiutare il paziente a stare meglio.
Di cosa si tratta: la medicina psicosomatica è una sottospecialità della Psichiatria, per cui è una disciplina ben definita.
Il professionista: è uno psichiatra caratterizzato da esperienza nella diagnosi e nel trattamento di psicopatologie in pazienti con malattie complesse. Si tratta quindi di un medico con formazione e competenze del tutto particolari.
Le problematiche di cui si occupa: disturbi psichiatrici e malattie organiche tali da interferire reciprocamente, con particolare riguardo all’esito del trattamento, disturbi psichiatrici conseguenti a malattie organiche (per esempio demenza) e disturbi somatoformi.

 

Nomenclatura
Per conoscere più da vicino la malattia psicosomatica è fondamentale acquistare dimestichezza con alcuni suoi termini tecnici.

  • I disturbi psicosomatici: sono malattie causate o peggiorate dallo stress mentale. È importante anche considerare l’impatto che lo stress può avere nei confronti di vari organi e sistemi, come per esempio l’apparato cardiovascolare, lo stomaco (ulcera gastrica) e l’intestino (sindrome dell’intestino irritabile).
  • I disturbi somatopsichici: sono disturbi mentali causati o amplificati da disturbi somatici quali tumori, malattie autoimmuni, malattie endocrine
  • I disturbi multisistemici: interessano contemporaneamente più apparati (per esempio sistema nervoso e endocrino) e si manifestano con sintomi organici e psichici. In alcuni casi non sono differenziabili dai disturbi somatopsichici. Esempi sono: stati di tossicità, infezioni sistemiche (es. virali, veneree, trasmesse da vettori), malattie immunitarie.
  • I disturbi somatoformi (in passato denominati disturbi da somatizzazione): sono caratterizzati da uno o più sintomi fisici di natura cronica, accompagnati da livelli sproporzionati di sofferenza, preoccupazione e difficoltà a svolgere le attività di tutti i giorni, correlate a tali sintomi
  • I disturbi psicogeni: rientrano nei disturbi somatoformi e sono legati a dinamiche psichiche. Esempi sono: aerofagia, bruxismo, stipsi, tosse psicogena, dismenorrea, disuria, prurito, torcicollo, disfunzione delle corde vocali
  • Incertezza del medico: non è una diagnosi ma indica la percezione soggettiva dell’incapacità di fornire una spiegazione accurata del problema di salute di un paziente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le possibili relazioni tra malattie somatiche e psichiche (fonte: Bransfield, voce cit., Fig. 1)

Malattia somatica Psicosomatica Somatopsichica Malattia psichiatrica Incertezza del medico Malattia multisistemica


I criteri di valutazione del paziente

La valutazione di ogni individuo deve tenere conto dei seguenti elementi:
• Esistenza di disturbi clinici
• Caratteristiche di personalità e strategie di difesa di un individuo
• Condizioni mediche generali e problemi psicosociali e ambientali
• Impatto dei sintomi sulla vita
Spetta poi allo psichiatra valutare caso per caso la strategia più consona, che può avvalersi sia di farmaci sia di colloqui, sedute di psicoterapia, terapia cognitivo-comportamentale e così via.

 

Bibliografia

  • Gitlin DF, Levenson JL, Lyketsos CG. Psychosomatic medicine: a new psychiatric subspecialty. Acad Psychiatry. 2004 Spring;28(1):4-11
  • Bransfield RC, Friedman KJ. Differentiating Psychosomatic, Somatopsychic, Multisystem Illnesses, and Medical Uncertainty. Healthcare (Basel). 2019 Oct 8;7(4):114
  • F. Pellegrino, Psicosomatica, Mediserve, Napoli, 2004

Altri Articoli da "Approfondimenti"