Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

Le possibili complicanze

Un disturbo da lutto complicato persistente non riconosciuto e non trattato in modo adeguato può portare...

Le possibili complicanze

Un disturbo da lutto complicato persistente non riconosciuto e non trattato in modo adeguato può portare allo sviluppo di una serie di problematiche mediche, psicologiche e sociali collaterali anche molto serie, determinando un generale significativo deterioramento del benessere personale e della qualità di vita. Le principali complicanze comprendono:

  • Disturbi depressivi;
  • Disturbi d'ansia
  • Pensieri suicidari e atti anticonservativi;
  • Maggior propensione allo sviluppo di malattie organiche (in particolare, di natura cardiovascolare, infiammatoria/immunitaria, gastroenterica, tumorale ecc.) e maggior tendenza a soffrire di sindromi dolorose;
  • Disturbi del sonno;
  • Difficoltà a svolgere le attività quotidiane abituali, a mantenere relazioni interpersonali e a essere efficienti sul lavoro;
  • Disturbo da stress post-traumatico;
  • Disturbo da abuso di sostanze (droghe o farmaci psicoattivi) o alcolici;
  • Abuso di nicotina.

Quando consultare il medico

Se dopo 2-3 mesi dalla perdita di una persona cara ci si trova in uno stato di profonda sofferenza che non accenna a migliorare è importante parlarne con uno psicologo per ottenere un supporto specialistico mirato. In particolare, il medico va contattato se sono presenti:

  • Difficoltà nel riprendere le attività quotidiane abituali;
  • Ritiro sociale e tendenza a evitare l'interazione con familiari e amici;
  • Notevole tristezza durante gran parte della giornata o vera e propria depressione;
  • Profondi sensi di colpa o istinti autolesionisti (fino all'ideazione suicidaria);
  • Convinzione di non aver fatto abbastanza per evitare la morte della persona cara;
  • Perdita di senso, sensazione che la vita sia priva di scopo;
  • Idea che la vita non sia degna di essere vissuta senza la persona venuta meno;
  • Desiderio di essere morti insieme alla persona cara.

Oltre che dal diretto interessato da lutto patologico, la persistenza di questi sintomi devono essere tenuti nella massima considerazione da parenti e amici, che, in caso di riscontro positivo, devono invitare con sensibilità e delicatezza a ricercare un aiuto competente. Ciò è particolarmente importante quando i sintomi depressivi sono significativi e associati all'idea di non riuscire a vivere senza la persona deceduta e/o a pensieri di morte/suicidio.


Leggi anche i consigli per reagire a un lutto

Altri Articoli da "Approfondimenti"