- Enciclopedia -

Sintomi e diagnosi dell'agitazione psicomotoria

I sintomi caratteristici dell'agitazione psicomotoria comprendono:

  • Irrequietezza motoria;
  • Iper-reattività agli stimoli esterni;
  • Irritabilità;
  • Attività motoria stereotipata e priva di scopo;
  • Riduzione del bisogno/capacità di dormire;
  • Instabilità/fluttuazioni delle manifestazioni.

I sintomi dell'agitazione psicomotoria richiedono un intervento clinico quando il livello di eccitazione, ostilità, mancanza di cooperazione o di controllo degli impulsi della persona interessata è tale da indurre a ritenere che sussista un potenziale rischio di danni per la persona interessata o per chi interagisce con essa.

Livello di agitazione psicomotoria

Per stabilire il livello di agitazione psicomotoria e operare scelte di intervento commisurate, è possibile avvalersi di diverse scale di valutazione. Tra queste, una molto semplice, applicabile anche da parte di personale sanitario privo di esperienza in ambito psichiatrico o in contesti d'emergenza e che non richiede la collaborazione del paziente è la scala di valutazione BARS (Behavioural Activity Rating Scale), basata sull'osservazione di alcune manifestazioni psicofisiche e comportamentali (Tabella - Scala di valutazione BARS).


Tabella - Scala di valutazione BARS

Punteggio

Stato del paziente

1

Difficoltà o incapacità di svegliarsi.

2

Addormentato, ma con normale risposta a stimoli verbali o al contatto.

3

Sonnolento, apparentemente sedato.

4

Sveglio e tranquillo (livello di attività normale).

5

Segni di eccitazione psicomotoria, controllabili con l'interazione verbale.

6

Segni di franca agitazione psicomotoria tali da richiedere un intervento medico, ma non la contenzione fisica.

7

Aggressivo e violento, al punto da richiedere la contenzione fisica.


I pazienti con punteggio BARS 1 devono essere inviati in un Pronto soccorso per effettuare opportuni accertamenti. I pazienti con punteggio BARS 2, 3 o 7 devono essere immediatamente trasferiti in strutture in grado di gestire l'emergenza psichiatrica. I pazienti con punteggio BARS 5 o 6, in molti casi, possono essere calmati con l'interazione verbale, preferibilmente attuata da personale sanitario preparato per gestire situazioni di questo tipo.

Inquadramento clinico e psichiatrico

Di fronte a una persona con agitazione psicomotoria, è fondamentale valutare con la maggiore accuratezza possibile lo stato clinico e psichiatrico attuale e pregresso del paziente, verificare le terapie farmacologiche e/o le altre sostanze assunte di recente e in passato (anche con test tossicologici), indagare la presenza di possibili allergie o intolleranze a farmaci, esaminare i segni e i parametri vitali fondamentali attraverso l'esame obiettivo e test di laboratorio/strumentali, da definire in relazione al caso specifico. Sul piano psichiatrico, va effettuata una valutazione "multiassiale" dall'asse I all'asse V indirizzata a esaminare tutti i possibili aspetti alla base dell'agitazione psicomotoria (Tabella - Valutazione multiassiale).


Tabella - Valutazione multiassiale


Condizione da valutare

Asse I

Disturbi psichiatrici maggiori (disturbi dell'umore, disturbi d'ansia, disturbi da abuso di sostanze ecc.)

Asse II

Disturbi di personalità, ritardo mentale

Asse III

Condizioni mediche generali

Asse IV

Condizioni psicosociali e ambientali (condizioni economiche, occupazionale, familiari, abitative, relazioni sociali, problemi legali ecc.)

Asse V

Livello globale di funzionamento/adattamento

Fonte: DSM-IV-TR


Questa estesa valutazione clinica e psichiatrica, ancorché non semplice posta la tendenziale scarsa collaborazione della persona interessata, va effettuata in tempi brevi per permettere interventi rapidi e appropriati. Se il paziente è molto agitato e non collaborante, un intervento farmacologico tranquillizzante può essere attuato in una fase precoce, al fine di permettere ai medici di completare l'inquadramento.

Alcuni elementi devono indurre a ritenere più probabile un'origine medica (patologia/alterazione organica) dell'agitazione psicomotoria. In particolare: l'età > 45 anni; l'assenza di diagnosi patologie psichiatriche; l'anamnesi familiare negativa per patologie psichiatriche; la presenza di sintomi visivi, uditivi, tattili anomali (scotomi, acufeni, parestesie ecc.); il riscontro di confusione mentale, difficoltà di linguaggio e/o disorientamento; storia o segni di traumi cranici; presenza o anamnesi positiva per specifiche condizioni mediche organiche; insorgenza improvvisa e apparentemente immotivata dell'agitazione psicomotoria.

D'altro canto, va ricordato che la presenza di una diagnosi psichiatrica, non esclude che a determinare l'episodio di agitazione psicomotoria sia una problematica medica acuta di nuova insorgenza. Anche un paziente affetto da un disturbo psichiatrico va, quindi, valutato attentamente anche sul piano organico.

Fonte: Nordstrom K et al. Medical evaluation and triage of the agitated patient: consensus statement of the American association for emergency psychiatry project Beta medical evaluation workgroup. West J Emerg Med, 2012;13(1):3-10.