- News -

Anche i piccoli stress incidono sul disturbo dell'umore

Non sono soltanto i forti stress associati a eventi traumatici importanti, lutti o gravi malattie, né i periodi particolarmente negativi, nei quali l'universo sembra avere come unico scopo quello di complicarci la vita a mettere seriamente a rischio il benessere psichico. Secondo un recente studio coordinato dall'Università della California (Stati Uniti) e pubblicato sulla rivista scientifica Psychological Science, anche i piccoli fastidi quotidiani, finora ritenuti tutto sommato poco importanti, possono lasciare il segno. Un segno che diventa sempre più marcato, giorno dopo giorno, fino ad assumere la forma di un vero e proprio disturbo dell'umore (soprattutto, depressione e ansia).

Una banale lite in famiglia, un'insoddisfazione sul lavoro, una discussione per il parcheggio, la perdita delle chiavi di casa, il week-end fuori porta saltato per colpa di uno sciopero o un tubo dell'acqua che decide improvvisamente di rompersi allagando il bagno, sono tutti fastidi sufficienti a logorare l'equilibrio psicoemotivo. A rischiare, come prevedibile, sarebbero soprattutto le persone per natura poco inclini ad adattarsi alle situazioni stressanti e a reagire in modo negativo, sentendosi ingiustamente vittima di soprusi voluti o di inconvenienti fortuiti. Alla conclusione i ricercatori sono arrivati esaminando i livelli di stress affettivo cui erano state esposte 711 persone d'età compresa tra 25 e 74 anni nell'arco di 8 giorni e la loro capacità di risposta nel quotidiano. Rivalutate a 10 anni di distanza si è visto che chi manteneva livelli di stress più elevati anche al termine delle giornate più tranquille aveva maggiori probabilità di sviluppare un disturbo dell'umore nell'arco di dieci anni.

Come fare per prevenire questa evoluzione sfavorevole? Innanzitutto cercando di prendere le cose della vita con un po' di distacco, soprattutto se non si tratta di fatti gravi, e di affrontare gli eventi sgradevoli in modo pragmatico e razionale, senza caricarli di un'emotività che, anziché aiutare a risolvere la situazione, rischia di peggiorarla ulteriormente. Poi, se ci si accorge che da soli non ci si riesce, si possono provare tecniche di rilassamento specifiche (yoga, meditazione, massaggi, agopuntura o semplice attività fisica moderata e regolare) o chiedere il supporto di uno specialista.

Fonte
Charles S, et al. The wear and tear of daily stressors on mental health. Psychological Science, 2013; doi:10.1177/0956797612462222


Per approfondimenti sui disturbi dell'umore accedi alla specifica sezione di Harmonia Mentis: i disturbi dell'umore