- News -

L'insonnia fa ma male al cuore
delle donne

L'insonnia non deve essere trascurata. E non soltanto perché, impedendo di riposare correttamente, fa sentire affaticati durante il giorno, meno reattivi, a maggior rischio di incidenti e più esposti allo sviluppo di depressione, ansia e stress, ma anche perché dormire troppo poco o male può aumentare la probabilità di andare incontro a malattie cardiovascolari e patologie coronariche. E questo è vero soprattutto se si è donne in post-menopausa, quindi non più protette dall'azione favorevole degli estrogeni su cuore e vasi sanguigni. A sottolineare l'associazione tra insonnia e rischio cardiovascolare sono i risultati di uno studio che ha esaminato l'incidenza di eventi cardiovascolari e patologie coronariche in funzione delle ore di sonno mediamente dormite tra le donne over50 già arruolate nell'ampio studio epidemiologico Women's Health Initiative (WHI). In particolare, i ricercatori hanno osservato che tra le donne insonni il rischio di sviluppare patologie coronariche in un periodo di dieci anni aumentava del 38% rispetto alle quelle che dormivano un numero di ore sufficiente, mentre il rischio di malattie cardiovascolari nello stesso arco di tempo aumentava del 27%. Una relazione verificata dopo aver depurato l'analisi da possibili fattori confondenti quali, per esempio, l'età, il gruppo etnico e la presenza di disturbi specifici. In entrambi i casi, il pericolo maggiore riguardava le donne che nei questionari avevano dichiarato di dormire meno di cinque ore per notte, che risultavano caratterizzate da un aumento del rischio medio di patologie coronariche del 25% e di malattie cardiovascolari del 19% rispetto a chi dormiva di più. Un'ulteriore buona ragione, insomma, per cercare di riposare meglio e più a lungo, adottando buone regole di igiene del sonno (ritmi di vita regolari, attività fisica leggera durante il giorno ma non la sera, cene leggere, niente caffeina, alcolici o sostanze eccitanti nella seconda parte della giornata ecc.) e chiedendo consiglio al medico se proprio la situazione non migliora. Ma attenzione anche non esagerare con il riposo: lo stesso studio, infatti, segnala che anche dormire più di dieci ore per notte è pericoloso per cuore e arterie, con un aumento del rischio di eventi cardiovascolari e patologie coronariche del tutto sovrapponibile a quello degli insonni.

Fonte
Sands-Lincoln M, et al. Sleep duration, insomnia, and coronary heart disease among postmenopausal women in the Women's Health Initiative. J Womens Health (Larchmt) 2013; doi:10.1089/jwh.2012.3918