Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

Tricotillomania (disturbo da strappamento dei peli)

La tricotillomania, che il DSM V chiama ora anche "disturbo da strappamento dei peli" (hair-pulling-disorder)...

La tricotillomania, che il DSM V chiama ora anche "disturbo da strappamento dei peli" (hair-pulling-disorder), è un disturbo correlato al Disturbo Ossessivo Compulsivo che consiste nell'impulso irrefrenabile di tirarsi e strapparsi i capelli o altri peli del corpo (ciglia, sopracciglia, barba, peluria ascellare o pubica ecc.), che a volte può essere seguito da tricofagia, ossia dall'atto di mangiare o masticare gli stessi capelli/peli strappati. Le cause biologiche del disturbo non sono note. Dal punto di vista psicologico, la tricotillomania può essere innescata da un accentuato senso di tensione e ansia, che viene placato dall'atto dello strappo e dal dolore che lo accompagna, oppure da semplice "noia".

Subito dopo aver tirato, "torturato" o strappato capelli/peli, la persona che ne soffre si sente temporaneamente più calma e sollevata. Purtroppo, questo stato di relativo benessere è soltanto transitorio e viene seguito da intenso disagio e senso di colpa, nonché dalla vergogna nei confronti degli altri per gli effetti fisici dell'atto compiuto (capelli rovinati, formazione di aree glabre sul cuoio capelluto o nei punti del corpo oggetto degli strappi, assenza di parti di barba, ciglia o sopracciglia ecc.), quando non celabili con gli indumenti. Talvolta, l'atto di attorcigliare e strappare capelli/peli può iniziare in modo automatico, in situazioni specifiche, per esempio mentre si guarda la televisione, si legge o si lavora al computer.

La tricotillomania insorge prevalentemente nell'infanzia o all'inizio dell'adolescenza e può persistere in modo cronico, se non riconosciuta e contrastata. Le forme più lievi possono risolversi spontaneamente durante la crescita, ma la loro durata e le effettive probabilità di attenuazione non sono prevedibili. Il rischio di soffrire di tricotillomania è maggiore se esiste una familiarità per il disturbo o altre patologie psichiatriche, se si tende a sperimentare spesso stati emotivi negativi caratterizzati da tensione, nervosismo, senso di inadeguatezza, solitudine o frustrazione e se si soffre anche di disturbi d'ansia, depressione o DOC. In base alle stime, la tricotillomania interessa circa il 2-4% della popolazione. Le donne ne sono interessate fino a dieci volte più degli uomini, probabilmente a causa di ragioni di ordine psicoemotivo e ormonale.Le forme lievi-moderate di tricotillomania possono essere gestite con la sola psicoterapia cognitivo-comportamentale, finalizzata ad analizzare e contrastare le cause della tensione e delle emozioni negative che innescano l'atto di strappare capelli/peli e a individuare strategie pratiche per disinnescare il riflesso automatico ad accanirsi su una o più parti del corpo. Questo tipo di intervento mira a rendere consapevoli del legame tra pensieri/emozioni negativi e atti autolesivi e ad reagire in modo razionale e positivo sui primi, evitando così i secondi. Quando la tricotillomania è più severa e persistente e interessa persone adulte può essere necessario affiancare alla psicoterapia un intervento farmacologico. Al momento, tuttavia, non vi è un accordo unanime sul ruolo dei farmaci nella gestione della tricotillomania, né su quali siano da preferire per tenerla sotto controllo.

Vuoi conoscere il disturbo di accumulo?

Altri Articoli da "Enciclopedia"